Written by 13:24 Serie A

Attratti da Junior Messias

Messias ci ha deliziati, ci sarà ancora spazio per lui in Serie A?
Junior Messias
3 min

Messias ci ha colpiti. Indubbiamente. E lo ha fatto sin dalle prime apparizioni in Serie A di questa stagione con la maglia del Crotone per qualità, personalità, incisività e bellezza nel suo gioco. C’è qualcuno che lo conosce addirittura da prima che toccasse il terreno di gioco della massima serie, ma probabilmente neanche costoro si aspettavano un rendimento da subito così brillante.

Junior Messias in Crotone-Juventus a inizio stagione: qui in 1 vs 1 con Demiral
Junior Messias in Crotone-Juventus a inizio stagione: qui in 1 vs 1 con Demiral. (📷/Fanpage)

La storia di Messias: dalla D alla Serie A

Tutto ciò non era affatto scontato, perché Junior Messias arriva dalla Serie D (Chieri), passando per la Serie C (Gozzano) subito dopo essere stato addirittura svincolato; sappiamo quanto sia difficile scalare le categorie, soprattutto quando si ha una certa età. E anche sotto questo punto di vista Messias ha stupito, perché è arrivato in Serie A all’età non più tenerissima di 29 anni. Insomma, non è più un giovincello ma da qualche anno ha deciso di non voler smettere di stupire se stesso, chi lo guarda e spingersi sempre più avanti.

Non solo è arrivato in alto, ma c’è da sottolineare come Messias produca gran parte della costruzione offensiva del Crotone e, con i suoi 8 gol + 5 assist in 30 presenze totali tra A e Coppa Italia, ha formato e sta formando con Simy un reparto molto interessante e produttivo. È quindi sempre stato costantemente il riferimento del gioco del sistema dei rossoblù.

Qualche skill di Messias in questa stagione e una domanda: “Perchè nessuno parla di Junior Messias?”

Prima al centro del progetto Stroppa e ora in quello di Serse Cosmi, che gli ha dato anche ultimamente la definitiva consacrazione rispondendo alla domanda su chi preferisse avere in squadra tra lui e Simy se si trovasse ad allenare una big: “Simy fa comodo a tanti perché fa gol, ma Messias può giocare in tutte le squadre del campionato, può fare la seconda punta, l’esterno e anche la mezzala offensiva”.

La duttilità tattica dell’attaccante del Crotone

Detto, fatto. Perché nel match esterno con lo Spezia il classe ’91 è stato impiegato per una delle prime volte da mezzala destra ultraoffensiva a piede invertito, posizione che secondo Cosmi potrebbe appunto ritagliarsi in squadre di alta classifica. Messias, ovunque si trovi, mette sul campo qualità, tecnica, dribbling, soluzioni offensive, traccianti illuminanti, assist per i compagni, conclusioni raffinate ed efficaci, ma soprattutto buona continuità nel corso della partita, a differenza di tanti altri giocatori qualitativi.

L’impressione per il suo ruolo, però, senza spendere paragoni tecnici, sul livello o sulle potenzialità del giocatore, è un po’ la stessa che si aveva quando il Paulo Dybala di Palermo si apprestava ad approdare alla Juventus di Max Allegri. Il tecnico toscano affermò: “Dybala può fare la punta al Palermo perché gioca e parte da 50 metri dalla porta, ma in una grande si gioca più a ridosso dell’area avversaria e quindi deve partire da più indietro, quasi da trequartista”.

Ecco, questa potrebbe essere un po’ la chiave per capire dove collocare Messias: attaccante se viene impiegato in un contesto dove il baricentro è basso, mentre seconda punta, trequarti, o addirittura mezzala se il sistema richiede un baricentro più alto e una presenza costante nella metà campo avversaria, sostanzialmente per permettere al brasiliano di giocare sempre nella stessa posizione sulla fascia della trequarti tra le linee per poi imbucare o andare al tiro personalmente saltando qualche avversario, con una buona dose di libertà.

Un match dello scorso anno in Serie B: Messias parte da seconda punta di fianco a Simy ma si abbassa e si apre molto sul lato destro in fase di sviluppo azione.
Un match dello scorso anno in Serie B: Messias parte da seconda punta di fianco a Simy ma si abbassa e si apre molto sul lato destro in fase di sviluppo azione.

Valutazione e stipendio di Junior Messias

L’attaccante brasiliano, dopo esser stato acquistato per 150 mila euro dal Gozzano nel 2019, vale oggi piu di 3 milioni, classificandosi terzo per valore tra i giocatori del neo-retrocesso Crotone. Peraltro lo stipendio di poco superiore ai 100 mila euro a stagione lo pone tra i migliori attaccanti qualità/prezzo del nostro campionato. Non bisogna stupirsi quindi del riportato interesse di Genoa, Sampdoria e Lazio.

Il futuro

Non sappiamo cosa riserverà il futuro prossimo al fantasista neo trentenne, ma la sensazione, del resto già confermata proprio da Cosmi, è che nonostante il Crotone non sia riuscito a confermare la categoria, qualcun altro potrebbe dare la chance a Messias di restare nella massima serie e tenerci ancora incollati allo schermo quando porta e conduce la palla con il suo mancino delizioso.

(Visited 82 times, 1 visits today)
Close