Scritto da Mercato & Finanza

I conti del Calcio Europeo For Dummies

Una breve analisi sui conti delle otto squadre vincitrici dei rispettivi campionati nazionali
9 min

Come ogni anno è uscito il rapporto KPMG Football Benchmark’s “The European Champions Report” relativo alle otto squadre vincitrici dei rispettivi campionati nazionali. Sulla base di questo, abbiamo deciso di stilare un’analisi sui dati relativi agli ultimi bilanci presentati dalle società calcistiche e su come la pandemia ha influito sulle diverse situazioni.

Introduzione al Report

La seconda stagione calcistica colpita dalla pandemia ha mostrato un’ulteriore influenza delle misure restrittive sulle otto leghe più importanti d’Europa come evidenziato dalla sesta edizione del report.

Con i ricavi totali della maggior parte dei club europei ancora al di sotto dei loro livelli prepandemici e in un settore caratterizzato da una struttura rigida dei costi, la maggior parte delle squadre ha registrato perdite ingenti per l’anno finanziario che si è concluso a giugno 2021. Salvo alcune eccezioni degne di nota (come ad esempio l’AC Milan che è riuscito a diminuire fortemente la sua perdita economica rispetto all’esercizio precedente) la tendenza più comune è stata quella per cui le entrate operative, colpite duramente dalla perdita quasi totale degli introiti delle partite, non sono riuscite a compensare il costo generalmente alto del personale e la diminuzione delle entrate commerciali dei giocatori.

La dirigenza del Milan
La dirigenza del Milan si è mossa molto bene (📷/GettyImages)

Le otto squadre campioni

La composizione degli otto campioni è un altro segno dei cambiamenti avvenuti nel calcio europeo e, in contrasto con gli anni precedenti, troviamo che solo un club è riuscito a mantenere il suo titolo nazionale, vale a dire il Bayern Monaco, che ha vinto di nuovo la Bundesliga, il 31° trofeo della loro storia e il 9° consecutivo. 

L’Ajax avrebbe potuto essere l’altro club, ma l’Eredivisie 2019/2020 si è conclusa senza dichiarare un campione nella primavera del 2020 a causa della pandemia COVID-19 benché l’Ajax si trovasse in testa alla classifica. 

Al contrario, lo Sporting Lisbona ha invece riconquistato il suo titolo nazionale dopo diciannove anni, l’Inter dopo dieci anni, il Lille in Francia dopo nove anni, mentre l’Atlético Madrid, in Spagna, si è assicurato la prima Liga dalla stagione 2013/14. Il Beşiktaş è diventato campione turco dopo tre anni, e il Manchester City ha strappato il trono della Premier League al Liverpool dopo solo un anno.

Manchester City

Il Manchester City è stato l’unico club nella nostra analisi che ha potuto registrare non solo una crescita annuale nel loro totale ricavi operativi ma un superamento del livello dei ricavi totali dell’ultima stagione pre-COVID relativo alla stagione 2018/19. Nella loro stagione di maggior successo stagione fino ad oggi, il club ha completato il double nazionale, vincendo la Premier League e la Carabao Cup, ma ancora ancora più importante, ha raggiunto la finale di UEFA Champions League per la prima volta nella sua storia, perdendo alla fine contro i rivali del Chelsea.

Nexr year Pep

Inter

Anche l’Inter in Italia ha registrato una crescita anno su anno (19%) nei ricavi operativi totali, ma ha comunque guadagnato 20 milioni di euro in meno rispetto all’ultima stagione pre-COVID. La perdita dei ricavi dalle partite, la crescita dei costi operativi e i bassi ricavi da attività di player trading (il bilancio è stato chiuso al 30/06/2021 e quindi i benefici derivante dalle operazioni Lukaku e Hakimi saranno visibili nel bilancio al 30/06/20222) hanno portato ad una perdita netta record di 245,6 milioni di euro nel 2020/21, la più alta mai registrata da una società di calcio italiana.

LOSC Lille

Al contrario, mentre i campioni di Francia del LOSC Lille hanno visto i loro ricavi operativi totali scendere di anno in anno, le entrate complessive in entrambe le ultime due stagioni colpite dalla pandemia sono state superiori a quelle dell’epoca pre-COVID.

Tale migliore performance finanziaria è dovuta principalmente al raggiungimento della fase a gironi della UEFA Champions League nel 2019/20 e la UEFA Europa League nel 2020/21. La diminuzione dei ricavi delle partite e dei media, insieme a costi del personale costanti, ha portato però la società ad avere un rapporto costi del personale/ricavi operativi del 106%, il più alto tra gli otto campioni.

Bayern Monaco

Il Bayern Monaco è stato l’unico club della nostra analisi a registrare un profitto, anche se leggermente inferiore all’anno, un’impresa notevole nella gestione del club da parte dei campioni tedeschi arrivata nonostante l’aumento dei costi del personale e la diminuzione delle entrate complessive nelle ultime due stagioni. Sono anche riusciti a mantenere il rapporto tra costi del personale e ricavi operativi al 58%, il più basso tra questi otto club. Il successo del Bayern potrebbe anche spiegare perché il club non ha sentito la necessità di partecipare alla SuperLega europea dell’anno scorso.

È interessante notare che tre degli attuali campioni, l’Atletico Madrid, l’Inter e il Manchester City, erano originariamente parte di quel piano, che da allora pare essere stato abbandonato.

Atlético Madrid

I campioni spagnoli dell’Atlético Madrid sono passati da un utile di 1,8 milioni di euro ad una perdita impressionante di 111,7 milioni di euro nella stagione più recente.

La ragione principale per un declino così grave del risultato di fondo è stata una notevole diminuzione del profitto sul player trading rispetto a un anno prima, quando ha contabilizzato le plusvalenze relative alle vendite di Antoine Griezmann e Rodri.

Beşiktaş

Il Beşiktaş è stato l’unico campione a migliorare il proprio risultato finale visto che, anche se registrando una risultato negativo netto di 44,4 milioni di euro, ha quasi dimezzato le perdite rispetto al periodo precedente.

Besiktas campione di Turchia 2020-21
Campioni di Turchia 2020/21 (📷/GettyImages)

Questa crescita eccezionale deriva principalmente da una diminuzione del 48% rispetto all’anno precedente dei poiché dei costi del personale visto che ha lasciato andare numerosi giocatori nella stagione 2020/21.

Ajax e Sporting Lisbona

I campioni olandesi dell’Ajax e i portoghesi dello Sporting Lisbona hanno invece entrambe subito una diminuzione delle entrate operative, un moderato aumento dei costi del personale e, di conseguenza, un aumento del costo del personale.

Qualche numero sui ricavi operativi

I club che potevano contare sui pagamenti ritardati dei broadcaster televisivi, in relazione ai rinvii delle partite nazionali e internazionali (dove il numero delle stesse è dipeso da quanto le squadre siano arrivate in fondo ai rispettivi tornei continentali), hanno potuto addirittura aumentare le loro entrate totali.

In particolare, il Manchester City ha raccolto 96 milioni di euro in più di ricavi totali rispetto all’anno precedente, con una crescita del 17% su anno, mentre il reddito operativo dell’Inter è cresciuto del 19% (EUR 55 milioni) in un anno. Con dei ricavi totali pari ad euro 644 milioni, il Manchester City è stato in grado di superare i rivali cittadini Manchester United (557 milioni di euro) per la prima volta nella loro storia.

I club con la maggiore diminuzione dei ricavi operativi totali sono stati l’Ajax (-37 milioni di euro, un calo del 23%) e il Beşiktaş (-15 milioni di euro, -21%). Tuttavia, i campioni olandesi hanno registrato ancora una volta i più alti ricavi operativi della Eredivisie. 

KPMG Grafico 1

I ricavi delle partite sono stati quasi completamente annullati per tutti questi club, infatti questo flusso di entrate è stato quello colpito più duramente dalla pandemia di COVID. Nonostante alcuni regolamenti nazionali che consentono una capacità limitata negli stadi all’inizio alla fine della stagione, gli introiti delle partite sono stati quasi nulli per la maggior parte dei club. In confronto, gli stessi otto club hanno raccolto un totale di 359 milioni di euro di ricavi dalla vendita di biglietti nella stagione 2018/19, l’ultima stagione prima della pandemia.

Tutti i sei club che hanno registrato un aumento dei loro ricavi radiotelevisivi hanno beneficiato in modo significativo delle entrate differite relative alle partite rinviate della stagione sportiva 2019/20 che sono state finalmente giocate dopo giugno 2020, sia nei loro campionati nazionali che nelle competizioni UEFA.

La crescita maggiore è stata realizzata da coloro che sono avanzati alle ultime fasi di un torneo continentale – in particolare, l’Inter ha disputato quattro partite in Europa League nell’agosto 2020, mentre sia il Manchester City FC che l’Atlético Madrid hanno incassato le loro partite rinviate in UCL.

I due campioni che non hanno potuto aumentare le loro entrate reddito, vale a dire Lille e Ajax, non hanno ricevuto tali pagamenti differiti: sia in Ligue1 che in l’Eredivisie la stagione 2019/20 è stata interrotta ed è rimasta incompiuta nella primavera del 2020, inoltre nessuna delle due parti aveva delle partite europee da recuperare.

Con l’eccezione del Beşiktaş, tutti le squadre sopra elencate hanno visto le loro entrate dalle attività commerciali. Come anticipato questo è in parte dovuto all’impatto dei ritardi nei pagamenti relativi alle partite rinviate della stagione precedente e anche ad alcuni nuovi accordi di sponsorship. I club che hanno riconquistato il loro titolo nazionale dopo diversi anni  (quindi lo Sporting Lisbona, l’Atlético Madrid e il Lille) hanno anche beneficiato della maggiore attenzione dovuta da ciò e hanno potuto ottenere migliori condizioni contrattuali e un aumento delle vendite di merchandising. Per esempio, le vendite online di merchandising dello Sporting che celebrano l’ultimo successo del club sono triplicate nell’ultima stagione.

Qualche numero sulle campagna trasferimenti

Il Beşiktaş è stato per lo più inattivo sul mercato nelle ultime due stagioni. Infatti, non ha registrato alcun ricavo dalle cessioni dei giocatori e ha speso meno di 10 milioni di euro per i nuovi acquisti.

KPMG Grafico 2

Per i tre club con il più basso valore aggregato relativo alla campagna trasferimenti, ossia Lisbona, Ajax e Lille, il reddito da cessione dei giocatori è un aspetto fondamentale del loro modello di business, la cui sostenibilità è fortemente dipendente dal raggiungimento di un profitto costante sulle cessioni dei giocatori.

Infatti, tutti questi club hanno generato entrate per i giocatori in uscita superiori alle spese per i giocatori in entrata in ogni singola stagione considerata, ad eccezione dell’Ajax nel 2018/19. 

I tre trasferimenti più remunerativi conclusi da tali club nelle ultime quattro stagioni sono i seguenti: Bruno Fernandes dallo Sporting Lisbona al Manchester United per 63 milioni di euro, Frenkie de Jong dal Barcelona all’ Ajax per 86 milioni di euro e Nicolas Pépé dal Lille all’Arsenal per 80 milioni di euro.

Questi dati mostrano come i club dei campionati più piccoli agiscono come “venditori netti” , cioè coltivano o acquistano giovani giocatori a prezzi accessibili prima di venderli ad un prezzo maggiorato agli “acquirenti netti”, che si trovano all’altra estremità dello spettro.

La stabilità finanziaria dei club è sempre più dipendente dai profitti ottenuti dalle cessioni dei giocatori e, di conseguenza la valutazione dei giocatori rappresenta oggi uno dei punti chiave punti di discussione tra gli stakeholder del calcio europeo.

In questa stagione però, soprattutto a causa della carenza di liquidità, i club di tutte i campionati hanno sofferto di un minore potere d’acquisto e quindi sono stati spesso costretti a vendere i loro migliori giocatori ad un prezzo scontato per puntellare le loro finanze oppure non sono stati in grado di rinnovare contratti troppo onerosi, erodendo i valori di mercato di giocatori che avevano accordi vicini alla scadenza.

Il sistema di valutazione di mercato di KPMG

Secondo il sistema di valutazione dei calciatori creato da KPMG, la maggior parte dei giocatori non ha ancora recuperato i valori di mercato pre pandemia; più specificamente, i primi 500 giocatori per valore di mercato nel mondo hanno assistito a un calo significativo dallo scoppio della pandemia nel 2020, dato che i loro valori sono significativamente scesi del 20% tra gennaio e maggio 2020. Tuttavia, nel corso di questi due anni, la crescente fiducia alimentata dalla riapertura iniziale degli stadi all’inizio della stagione 2021/22 ha permesso un lento recupero; infatti, per tale campione i valori di mercato di gennaio 2022 sono ora inferiori dell’8% rispetto a due anni fa.

KPMG Graf 3

Il grafico qui sopra mostra l’evoluzione del valore di mercato aggregato delle squadre degli otto campioni dallo scoppio della pandemia.

Nel gennaio 2021 il valore di mercato aggregato delle squadre degli otto campioni europei era del 5% inferiore all’ultimo valore pre-COVID, prima di mostrare un notevole recupero ai livelli pre-COVID nel gennaio 2022. A livello di club, la metà delle squadre analizzate ha visto una diminuzione nel valore della loro squadra negli ultimi due anni, con l’Inter che mostra la peggiore tendenza negativa (-12%).

Il valore di mercato della squadra nerazzurra soffre ovviamente la partenza di giocatori importanti come Lukaku e Hakimi durante l’ultima finestra estiva. Al contrario Beşiktaş, Lille, Sporting Lisbona e Bayern Monaco sono tutti riusciti a aumentare il valore di mercato della loro squadra dal gennaio 2020.In particolare, i valori delle squadre dei campioni turchi e francesi hanno beneficiato di una crescita organica, conseguenza delle positive delle prestazioni sportive, registrando rispettivamente il 32% e il 29%.

Concentrandosi sui valori attuali a gennaio 2022, il Manchester City con 1.237 milioni di euro ha il più alto valore di mercato della squadra al mondo, essendo uno dei tre club che superano la soglia di 1 miliardo di euro, insieme a Chelsea e Manchester United. Bayern Monaco e Atlético Madrid sono invece le altre due squadre qui analizzate che entrano nella top 10 club per valore di mercato complessivo della squadra in Europa.

È interessante notare che solo tre campioni – Manchester City, Bayern Monaco e Ajax – possono vantare il più alto valore di mercato della squadra del loro campionato, mentre i restanti cinque club non sono i leader in termini di valore di mercato della squadra nel loro campionato. Il caso estremo è ovviamente il Lille che, a gennaio 2022, ha solo la quarta squadra più preziosa della Ligue 1 dopo Paris Saint-Germain, Monaco e Olympique Lyonnais.

Sorprendentemente le otto squadre qui analizzate contribuiscono con solo un giocatore alla lista dei 10 giocatori di maggior valore a gennaio 2022 e il giocatore è Phil Foden del Manchester City valutato circa 117 milioni di euro e che si posiziona al terzo posto dietro Erling Håland (142 milioni di  euro) e Kylian Mbappé (128 milioni di euro).

Foden, Mbappè, Haaland
Tre discreti giocatori (📷/B/R Football)

L’impatto dei social

Ultimo ma non meno importante, come valutiamo l’impatto dei social sul mondo del calcio?

Al giorno d’oggi, i seguaci dei social media rappresentano un parametro chiave da monitorare per cogliere l’appeal commerciale dei club di calcio dei club di calcio. Inoltre, soprattutto durante la pandemia che ha costretto le squadre a giocare le partite a porte chiuse, le piattaforme di social media hanno offerto un’alternativa cruciale per i club di calcio per interagire con i loro tifosi, creando nuove opportunità commerciali per i loro partner.

La digitalizzazione è stata anche fondamentale nella trasformazione di diversi top club in marchi globali, i quali ora vantano seguaci da in tutto il mondo che alla fine diventeranno nuovi tifosi e, soprattutto per le società calcistiche, clienti. Tuttavia, questo processo ha progressivamente portato a un grado di polarizzazione tra i club d’élite e tutti gli altri piccoli/medi club.

KPMG Grafico 4

Il grafico qui sopra fornisce una panoramica di questo fenomeno, confrontando il seguito totale sui social media di ciascuno degli otto campioni di ciascuno degli otto campioni al totale dei seguaci dei social media di tutti gli altri club dei rispettivi campionati nazionali messi insieme. 

Questa analisi è stata condotta da KPMG guardando il totale dei follower su Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, TikTok e Weibo (il maggior social network cinese) al 1° gennaio 2022.

Due degli otto campioni, ovvero Ajax e Bayern München, hanno più follower degli altri club che competono nel loro campionato messi insieme. Precisamente i follower dell’Ajax (17 milioni di utenti) corrispondono al 186% di tutti gli altri 17 club che partecipano all’Eredivisie 2021/22, mentre lo stesso rapporto per i bavaresi è pari al 145%, grazie ai 104m seguaci delle piattaforme di social media dei campioni di Germania.

È interessante notare che sono anche gli unici due campioni con la più alta base di fan sui social media nel loro campionato nazionale.

Infatti, tutti le altre squadre campione nazionale sono terzi (Atlético Madrid, Beşiktaş, Inter e Sporting Lisbona), quarti (Manchester City) o quinti (LOSC Lille) in termini di totale seguaci dei social media a livello nazionale.

Sporting Lisbona, Beşiktaş e Inter hanno tutti un rapporto superiore al 20%, anche se con dimensioni molto diverse in termini di seguito totale. Infatti, mentre i nerazzurri vantano 46 milioni di follower, il club turco e portoghese hanno rispettivamente 16 e 5 milioni di follower.

I seguaci totali del Manchester City (98 milioni di follower) corrispondono al 15% di tutti gli altri 19 club della Premier League inglese. Questo basso rapporto, rispetto a quello degli altri campioni, è dovuto all’alta competitività della Premier League.

Il rapporto più basso è registrato dal LOSC Lille, i cui 4 milioni di seguaci costituiscono il 2% di tutti gli altri club della Ligue 1. Il motivo principale di questa cifra è rappresentato dai 143m seguaci del Paris Saint Germain, che costituiscono la maggior parte della categoria “Resto della lega”.

In valori assoluti, il Bayern Monaco è il club più seguito tra le squadre analizzate, seguito da vicino dal Manchester City, e sono 8° e 9° nella classifica generale nel mondiale, che è dominata dai giganti spagnoli del Barcelona (282 milioni di follower) e Real Madrid CF (279 milioni di follower).

(Visited 98 times, 1 visits today)
Close